Per l'invio di una fattura elettronica è indispensabile avere la pec o il codice identificativo SDI del cliente.

Attenzione! Il codice identificativo SDI delle aziende è di 7 caratteri e ha uno scopo differente dal codice univoco delle P.A. che è di 6 caratteri. Il codice univoco PA è da inserire obbligatoriamente all'interno delle dipendenze mentre il codice SDI delle aziende si inserisce nella maschera principale di anagrafica o nelle dipendenze (nel campo relativo) nel caso di più pec o identificativi.

Per chi ha acquistato il modulo di Sol.Din. di Fatturazione Elettronica è disponibile la maschera "Verifica presenza codice SDI su Anagrafiche"

 

 

in questa maschera è possibile visualizzare l'elenco dei clienti, attivi e con stato Italia, senza pec o codice identificativo (anche filtrando per movimentati solo a partire da una certa data).

Per ogni cliente si può compilare il campo pec e/o codice identificativo che aggiornerà la relativa anagrafica e, su aggiorna, verranno presentati solo i non compilati.

 

Selezionando la casella sul lato sinistro dell'elenco, avendo a disposizione la email del soggetto, (tasto destro sull'elenco per selezionare tutti) premendo il pulsante "Richiedi Dati" verrà inviata una email al cliente con il seguente testo:

Gentile cliente,

la Legge di Bilancio 2018 ha previsto, con decorrenza 1° gennaio 2019, l'obbligo della fatturazione elettronica per le cessioni di beni e le prestazioni di servizio anche tra privati.

Al fine di poter adempiere al suddetto obbligo, con la presente siamo cortesemente a richiedere il Suo codice univoco o il Suo indirizzo di posta certificata(PEC), da usare tramite il SISTEMA DI INTERSCAMBIO(SDI), compilando il seguente modulo

con un link da premere.

Il link aprirà la seguente pagina web dove l'utente, compilati i campi, su pressione del pulsante "INVIA" procederà automaticamente all'aggiornamento dei dati anagrafici in Anagrafica Azienda senza necessitare di intervento da parte dell'operatore

 

Tags: , ,

Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Novità

PREOCCUPATO PER LA

FATTURAZIONE ELETTRONICA?

Dal 1° luglio 2018 alcuni hanno già iniziato

Dal 1° gennaio 2019, toccherà a tutti!

Per fortuna, hai già la soluzione in mano!

Il gestionale che stai usando in questo momento per registrare le tue fatture è già predisposto per interfacciarsi con i servizi offerti dai due leader indiscussi del mercato:
Zucchetti e ARXivar

Grazie ad un apposito modulo, sarà possibile adattare la propria operatività alla nuova gestione in tempi minimi. 

Non esitate a contattarci, ti illustreremo direttamente i contenuti e le implicazioni tecnologiche oltre che organizzative.

 

ATTENZIONE! Affrontare questa sfida in anticipo ti permetterà di individuare le criticità, ed avere il tempo necessario per gestirle!

 

 

 

Tags: , , ,

Comunicazioni | Sol.Din. Proposte

Fatturazione Elettronica

by paolo5. gennaio 2017 15:56

Con aggiornamento è disponibile l'adeguamento del tracciato per la fatturazione elettronica al nuovo formato 1.2, obbligatorio per gli invii a partire dal 09.01.2017

Tags: , ,

Sol.Din. Novità

La piattaforma di fatturazione Elettronica prevede la possibilità di inserire dei dati opzionali di informazione sui documenti che hanno dato origine alla fattura.
Le sezioni previste sono:
DATI ORDINE ACQUISTO, CONTRATTO, CONVENZIONE, RICEZIONE E FATTURE COLLEGATE

Per trasmettere queste eventuali informazioni è stato abilitato sull'editazione della fattura un campo apposito "Info Estese" 

La pressione del pulsante apre la maschera per l'inserimento dei dati.
Il primo campo obbligatorio è il tipo sezione ove selezionare la tipologia di informazioni che si stanno trasmettendo mentre i restanti campi sono a disposizione in base al tipo di dati da comunicare.
Per ogni rigo di documento si possono impostare più tipi di sezioni. 

Tutte le altre eventuali informazioni che si vogliono trasmettere possono essere immesse nella descrizione dell'articolo (255 caratteri) più il campo note dell'articolo (1020 caratteri).
Attenzione però che il flusso telematico accetta solo un massimo di 1000 caratteri come descrizione.
Nel caso ci fossero più informazioni usare più righe del documento.

 

Tags: , , ,

Sol.Din. Novità

In merito alla fatturazione elettronica, nel caso di fatturazione senza applicazione dell'iva, si deve verificare la corretta compilazione della tabella anagrafica dell'Iva. Anagrafiche di Base - Anagrafiche Contabili - Tabella Iva

Per ogni codice iva ci sarà la presenza di un campo denominato "Fatt.PA Nat.Iva" (in basso a destra). Per chi non è soggetto verificare la coerenza del valore presente ed eventualmente correggere o inserire se mancante.

Si ricorda inoltre che il bollo per le fatture esenti è a carico dell'emittente e deve essere indicato l'assoggetamento a bollo sul codice iva relativo nel campo bollo indicando l'importo del bollo stesso.

Tags: , , ,

Sol.Din. Novità

A partire dal 31 marzo 2015 ogni fattura emessa nei confronti di un ente pubblico dovrà essere trasmessa telematicamente e non potrà più essere presentata in forma cartacea.

A tal fine abbiamo rilasciato un aggiornamento che genera un sezionale iva separato per le fatture a enti pubblici e due nuovi tipi di documento (fattura e nota credito) con numerazione a se. Questa divisione delle fatture verso enti pubblici rispetto alle tradizionali serve per evitare di dover fare la conservazione elettronica di tutte le altre fatture gestite in modalità tradizionale.

Nei parametri aziendali ci sono le voci di configurazione per i dati di trasmissione, dove si può variare la partita iva dell'ente predisposto all'archiviazione sostitutiva e il tipo di generazione del file (normalmente FILE). 

Per l'invio delle fatture queste devono essere preventivamente contabilizzate e poi tramite la seguente maschera, richiamabile dalla voce di menù "Invia Fatture Elettroniche a PA", si potrà procedere alla generazione del file XML per l'inoltro alla pubblica amministrazione. 

 

Tags: , , , ,

Sol.Din. Novità