Il modulo per la creazione dell'Invio Dati Fatture 2017 (ex spesometro) permette la generazione dei file XML conformi alle specifiche dell'Agenzia delle Entrate (AdE).

L'invio del file può essere fatto autonomamente o inviato tramite intermediario.

Per le modalità di invio e gli eventuali dubbi sulla compilazione si rimanda alla documentazione ufficiale dell'AdE

L'invio dei file firmati deve essere effettuato dal portale dell'AdE

 

DA SAPERE PRIMA DELLA GENERAZIONE DEI FILE.

La spunta "No Spesometro" gestita in anagrafica Clienti e Fornitori e in Anagrafica Iva non viene più considerata.

La generazione del file prevede l'invio di tutte le fatture di vendita e acquisto. (vengono escluse solo le autofatture generate a seguito di fattura intrastat o reverse charge)

Vengono inviate tutte le fatture di vendita e acquisto anche se verso terzi Intrastat o esteri No CEE.

Le fatture elettroniche non devono essere comunicate.

 

DA VERIFICARE 

Verificare la corretta compilazione delle anagrafiche, in particolar modo i campi partita iva e codice fiscale.

 

Verificare associazione codici iva e causali contabili con la relativa causale ministeriale dal pannello di Configurazione

 

 

 

 

 

 

 Sempre in Configurazione il pulsante "Configura Esclusioni" permette di selezionare i codici cliente/fornitore le cui fatture dovranno essere escluse a priori. 

Al momento le fatture che non devono essere comunicate sono le "Schede Carburanti" e gli eventuali Codici Fornitore di comodo usati da chi registra in contabilità semplificata. 

Questi documenti non sono inviati in quanto non sono relativi a soggetti reali e identificabili.

Questa configurazione è da effettuare solo dopo aver generato la comunicazione. L'elenco dei soggetti in dichiarazioni viene recuperato dai dati di elaborazione.

Mettendo in esclusione un soggetto verranno escluse tutte le fatture del soggetto presenti nelle dichiarazioni non ancora inviate e, al contrario, rimuovendolo dagli esclusi, verranno rimesse in trasmissione tutte le fatture del soggetto che sono presenti in elaborazioni non inviate.

Tramite i relativi pulsanti si possono mettere i soggetti tra gli esclusi o rimuoverli. L'elenco è diviso tra clienti e fornitori.

 

 

GENERAZIONE DEL FILE 

In Telematico - Gestione Invii Telematici potrete scegliere la voce "2017-004 Comunicazione Dati Fatture 2017" dall'elenco di scelta nella sezione superiore della maschera.

 

La parte inerente i dati del dichiarante, per i clienti Soluzione Dinamica, risulterà già compilata e non modificabile in quanto i dati saranno recuperati dall'anagrafica dell'azienda.

Nella griglia saranno presente le comunicazioni elaborate e/o inviate.

 

Funzione dei pulsanti della barra laterale destra:

1. Esci (Chiusura maschera invii telematici)

2. Nuovo (Generazione nuova comunicazione invio dati fatture)

3. Elimina (Elimina la Comunicazione selezionata)

4. Stampa (Funzione non attiva)

5. Sblocca (Nel caso di Comunicazione inviata non si può modificarla o eliminarla se prima non viene sbloccata)

6. Modifica (Modifica la Comunicazione)

7. Invia (Genera il file XML conforme alle specifiche AdE per la successiva firma elettronica e invio sul portale del'AdE o all'intermediario)

 

GENERAZIONE NUOVA COMUNICAZIONE.

Premendo il pulsante Nuovo si aprirà la maschera sopra riportata per l'impostazione del periodo di estrazione dei dati da inviare e il tipo di estrazione (Fatture emesse e Fatture Ricevute - Devono essere inviate in due comunicazioni separate).

Con "Crea comunicazione" verrà generata una nuova Comunicazione con i dati recuperati dal sistema e verrà richiesta obbligatoriamente la stampa definitiva dei libri IVA. 

 

Si possono scegliere di inviare le comunicazione semestralmente o trimestralmente. (proposto semestrale a standard)

 

Selezionando "Annullamento" e indicando l'ID della comunicazione da annullare verrà generato il file per l'annullamento di un invio precedente.

 

 

GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE.

Con il pulsante modifica possiamo editare e/o modificare e verificare eventuali anomalie presenti nella dichiarazione generata. (Nota Bene: prima di fare l'invio aprire sempre in modifica la dichiarazione per controllo)

La maschera di modifica è divisa in tre pannelli principali: Dettaglio per nominativo, Dati Aziendali e esclusi

 

Il pannello dei dati aziendali permette l'eventuale correzione dei dati del soggetto dichiarante e l'indicazione del Codice Fiscale Dichiarante e relativa carica nel caso di società. Se l'azienda è una ditta individuale non devono essere compilati i campi Codice Fiscale Dichiarante e Carica Dichiarante. 

Nel caso venga compilato il campo Carica Dichiarante per cancellare il contenuto si deve premere insieme CTRL+CANC.

 

 

Il pannello Dettaglio per nominativo è suddiviso in tre riquadri principali. 

 

La parte sinistra visualizza l'elenco di tutti i soggetti presenti in comunicazione.

Il riquadro in alto a destra visualizza gli estremi dei documenti relativi al soggetto selezionato e il riquadro in basso a destra visualizza il dettaglio imponibili/imposte della fattura selezionata nel riquadro soprastante.

Nel riquadro con l'elenco dei soggetti l'eventuale presenza del simbolo rosso di errore evidenzia la presenza di anomalie sul soggetto.

Per capire di cosa si tratta bisogna selezionare l'iconcina di informazione presente a sinistra dell'icona di errore e comparirà un "fumetto" con la descrizione delle anomalie riscontrate.

Il pulsante "Modifica", in alto a destra permette di andare in modifica del soggetto/fattura selezionata nel riquadro in alto a destra.

 

Il riquadro in alto a destra riporta i dati essenziali della fattura.

La data di registrazione ha importanza solo per le fatture ricevute e non verrà considerata nella comunicazione per le fatture emesse.

L'eventuale presenza di righe con testo in colore rosso denotano la presenza di un'anomalia sul documento.

 

Il riquadro in basso a destra riporta il dettaglio degli imponibili e imposta del documento.

Il campo Natura Iva deve essere compilato solo quando l'imponibile non è soggetto a imposta.

Il codice da indicare è la trascodifica dei codici iva spiegata in testa al presente documento.

I campi Detraibile e Deducibile sono alternativi.

La presenza di uno dei due esclude l'altro e sono relativi alle fatture emesse e all'eventuale deducibilità o percentuale di detraibilità fruibile dal destinatario.

 

Il pannello esclusi contiene le fatture che non verranno inviate perchè escluse

 

 

Il pulsante di ricerca (binocolo sul menù laterale) è utilizzabile, solo dopo aver generato la comunicazione, per capire quale elemento è coinvolto in una eventuale segnalazione di errore da parte del programma di controllo dell'AdE.

 

MODIFICA DI UN ELEMENTO DELLA COMUNICAZIONE.

Selezionando un soggetto e poi una fattura nel riquadro in alto a destra, possiamo modificare i dati anagrafici (relativamente a tutti i documenti del soggetto) e, eventualmente, i dati della fattura selezionata.

Nell'elenco non possono essere aggiunte/eliminate fatture in quanto possono provenire solo dal sistema contabile.

La maschera di modifica è composta da quattro pannelli:

Dati Documento (modifica delle informazioni del documento in oggetto)

Dati Anagrafici Soggetto (modifica delle informazioni del soggetto)

Stabile Organizzazione Soggetto (dati da compilare solo se si presenta la situazione)

Rappresentante Fiscale Soggetto (dati da compilare solo se si presenta la situazione)

 

I pannelli dei dati anagrafici non sono modificabili se è stata utilizzata l'opzione (consigliata) di non inviare i dati di dettaglio.

Tutte le variazioni sono recepite solo se premuto il pulsante "Salva"

 

CONTROLLI DI QUADRATURA 

Per avere una quadratura con la contabilità dei dati estratti si consiglia di stampare una liquidazione periodica iva del periodo (per esempio dal 01.01.2017 al 30.06.2017)

Per le fatture emesse il totale Imponibile e Imposta della dichiarazione deve quadrare con il totale Imponibile e Imposta delle vendite al netto di autofatture e corrispettivi. (Le fatture elettroniche sono importate ma messe in stato di esclusione)

Per le fatture ricevute il totale Imponibile e Imposta deve quadrare come da liquidazione.

 

STAMPA

Con il pulsante di stampa presente nella maschera principale si può ottenere una stampa di controllo dei dati estratti

Tags: , , , ,

Comunicazioni | Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Novità

Spesometro 2016

by Paolo Quaglia17. marzo 2016 12:04

Le procedure di invio della Comunicazione delle Operazioni Rilevanti ai fini IVA 2016 (Spesometro) sono rimaste invariate rispetto all'anno scorso.

La procedura è disponibile nella cartella Telematico/Gestione Invii Telematici e poi scegliendo Spesometro Annuale Aggregato o Dettagliato.

Le scadenze di invio sono:

11/04/2016 per i soggetti iva mensile e 20/04/2016 per i trimestrali

 

Tags: , , , ,

Comunicazioni

A partire dal 31 marzo 2015 ogni fattura emessa nei confronti di un ente pubblico dovrà essere trasmessa telematicamente e non potrà più essere presentata in forma cartacea.

A tal fine abbiamo rilasciato un aggiornamento che genera un sezionale iva separato per le fatture a enti pubblici e due nuovi tipi di documento (fattura e nota credito) con numerazione a se. Questa divisione delle fatture verso enti pubblici rispetto alle tradizionali serve per evitare di dover fare la conservazione elettronica di tutte le altre fatture gestite in modalità tradizionale.

Nei parametri aziendali ci sono le voci di configurazione per i dati di trasmissione, dove si può variare la partita iva dell'ente predisposto all'archiviazione sostitutiva e il tipo di generazione del file (normalmente FILE). 

Per l'invio delle fatture queste devono essere preventivamente contabilizzate e poi tramite la seguente maschera, richiamabile dalla voce di menù "Invia Fatture Elettroniche a PA", si potrà procedere alla generazione del file XML per l'inoltro alla pubblica amministrazione. 

 

Tags: , , , ,

Sol.Din. Novità

Entro il 28 febbraio devono essere inviati ai professionisti con ritenuta acconto i nuovi modelli di certificazione che sostituiranno le precedenti comunicazioni in carta libera. Entro il 7 marzo dovranno essere inviate telematicamente all'Agenzia delle Entrate direttamente o tramite intermediario abilitato come per lo spesometro.

Dopo l'aggiornamento si avrà a disposizione la nuova cartella di menù Telematico. 

Ogni riga rappresenta un flusso contenente le certificazioni per lavoro autonomo.

Dopo l'invio per modificare o eliminare un flusso deve prima essere sbloccato.

Con Nuovo viene generato un flusso con i dati delle ritenute operate nell'anno precedente mentre con modifica si può variare i dati proposti. Si consiglia di verificare attentamente i dati proposti per evitare errori che potrebbero comportare sanzioni a carico del sostituto d'imposta. La Pragmos non si assume responsabilità dei dati proposti e la verifica degli stessi è a carico dell'utente.

Il pulsante Invia genera un file ASCII in base al formato richiesto dall'Agenzia delle Entrate pronto per la validazione e invio.

Il pulsante Stampa presenta le varie stampe disponibili:

Modello Certificazione Unica 2015 - Intestazione generale del modello

Modello Certificazione Unica 2015 Scelta 9 per mille (solo come prestampato ma non precompilato in quanto non sono gestite le certificazioni dei dipendenti)

Modello Certificazione Unica 2015 Certificazione Lavoro Autonomo - Modello da stampare e inviare in duplica copia ai professionisti insieme a una copia del Modello Certificazione Unica 2015 Informazioni per il contribuente.

Modello Certificazione Unica 2015 Certificazione Lavoro Dipendente  (solo come prestampato ma non precompilato in quanto non sono gestite le certificazioni dei dipendenti)

Modello Certificazione Unica 2015 Informazioni per il contribuente - modello con le istruzioni da stampare e inviare insieme alla certificazioni

Modello Certificazione Unica 2015 Quadro CT  (solo come prestampato ma non precompilato in quanto non sono gestite le certificazioni dei dipendenti)

Dettaglio ritenute rilevate - Stampa ridotta delle precedenti certificazioni per il dettaglio dei totali delle ritenute calcolate dal sistema e inserite nelle certificazioni.

 

In modifica o nuovo viene presentata una maschera a inserimento guidato in tre fasi: 

PRIMA FASE:  dati generali e firmatario della dichiarazione

SECONDA FASE:  seconda fase inserimento dati anagrafici dei percipienti.

Ogni riga della tabella di sinistra corrisponde a un percipiente. Nel pannello di destra viene presentato il dettaglio da validare, modificare o completare dei dati mancanti. Il codice comune del domicilio è richiesto e viene proposto quando viene riscontrata una corrispondenza con un comune valido nella tabella dei comuni. Se non fosse presente si può inserire ulteriori comuni tramite l'apposita maschera di anagrafica.

TERZA FASE:  terza fase inserimento dei dati delle ritenute operate. 

Nella tabella di sinistra vengono riportati i percipienti mentre nella tabella centrale vi è l'elenco dei moduli di certificazione per il percipiente selezionato (normalmente viene proposto un solo modulo con i totali complessivi). Il pannello di destra rappresenta il dettaglio dei valori del modulo selezionato dalla tabella centrale contenente i dati oggetto della comunicazione.

Proseguendo con il pulsante avanti si arriva alla maschera conclusiva che procede al salvataggio delle modifiche premendo il pulsante fine. In qualsiasi momento si può uscire dall'editazione senza salvare premendo il pulsante Annulla.

NOTA BENE:

Come per tutti gli invii telematici in caso di anomalia, prima di contattare l'assistenza, fornire esito della validazione e file sottoposto a validazione.

Tags: , , , ,

Con l'introduzione dell'obbligo dell'invio della comunicazione dell'emissione della dichiarazione di intento da parte dell'acquirente abbiamo introdotto la gestione telematica dei flussi elettronici verso l'agenzia delle entrate.

Dopo l'aggiornamento si avrà a disposizione la nuova cartella di menù Telematico.

All'interno sarà presente la maschera per l'inserimento dei dati del firmatario delle dichiarazioni (se l'azienda è diversa da persona fisica), l'anagrafica delle relative cariche e la maschera per la gestione degli invii telematici.

Attualmente è presente la procedura per la dichiarazione di intento, e prossimamente verranno aggiunte le varie procedure richieste dall'agenzia delle entrate e spostata la procedura per lo spesometro.

Agenzia delle Entrate, documentazione Modello IVI - Diciarazioni di intento.

 

Tags: , , , ,

Sol.Din. Novità