Come chiarito dall'Agenzia delle Entrate con la FAQ n. 33 del 27.11.2018 non è più obbligatorio avere sezionali iva separati per fatture elettroniche e cartacee.

https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Schede/Comunicazioni/Fatture+e+corrispettivi/FAQ+fe/Risposte+alle+domande+piu+frequenti+categoria/Registrazione+e+conservazione+delle+fatture/?page=schedecomunicazioni

 

Tags:

Sol.Din. Domande

Cosa fare a gennaio 2019 per la Fatturazione Elettronica

Si ricorda a tutti gli utenti che le richieste di assistenza devono essere inoltrate per email ai seguenti indirizzi:

supporto.soldin@pragmos.it    -  PROBLEMATICHE SOL.DIN.

supporto.fe@pragmos.it           -  PROBLEMATICHE FATTURAZIONE ELETTRONICA

 

Attivazione invii fatture elettroniche

Nel 2018, se si voleva inviare una fattura in formato elettronico, era buona prassi usare un sezionale iva separato dalle fatture cartacee ed erano stati creati i tipi documento FCX "Fattura clienti elettroniche" e NCX "Nota credito clienti elettroniche".

Nel 2019, salvo esigenze aziendali particolari (da comunicare all'assistenza), potrete utilizzare le causali FC "Fatture Clienti", NC "Nota credito clienti" o quelle che abitualmente state utilizzando.

Per attivare il pulsante di invio fatture elettroniche, nell'editing fatture sui tipi documenti attuali, dovete andare in 

Anagrafiche di base - Anagrafiche contabili - Causali Contabili

selezionare le causali contabili su cui vengono contabilizzate le fatture fatte in editing fatture e impostare il corretto tipo documento nel campo "Codice Fatt. Elett." e salvare.

(Attenzione. TD04 rappresenta una nota di credito) 

 

A questo punto in editing fatture troverete attivo il pulsante di invio.

 

In Anagrafiche di base - Anagrafiche Contabili - Condizioni di pagamento

si consiglia di verificare la corretta associazione con il tipo pagamento della fattura elettronica. 

Tags:

Comunicazioni | Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Domande | Sol.Din. Novità | Sol.Din. Proposte

Aprire Anagrafiche di base - Anagrafiche Contabili - Causali Contabili

Cliccare su nuovo e, nella sezione dei campi in basso, compilare i campi come da immagine per una causale di Auotfattura Reverse Charge

 

Codice - un  codice di 3 caratteri max che non sia già presente

Descrizione - Descrizione della causale

Tipo Causale - Selezionare Fatture Attive

Conto iva - Selezionare il conto dell'iva a debito

Segno -  Immettere + per fattura e - per nota credito

Analitica - spuntare solo se si gestisce la contabilità analitica

Ritenute - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Cespiti - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Nota Professionista - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Autofattura Collegata - lasciare vuoto

Bolla Doganale - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Contatore Autofattura - Selezionare "Contatore per reverse charge"

Autof. Art. 17 - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Stampa Giustificativo - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Intrastat - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Controllo Totali - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Libero - digitare 0

Libero - digitare 0

0-Def 1-Prv - digitare 0

Contatore Protocollo - lasciare vuoto

Registro Iva - selezionare il registro iva collegato, se si tratta di un nuovo registro crearlo prima come da post sulla creazione dei sezionali iva

Inc. Iva Diff - non spuntare (Attenzione. Su nuovo è in stato neutro. spuntare la casella e poi togliere il segno di spunta)

Codice Fatt. Elett. - lasciare vuoto

Cliccare su Salva per confermare

Tags: , , ,

Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Domande

 Con la circolare del 17/01/2018 l’Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti al problema di come gestire le fatture 2017 registrare nel 2018.

 

L’Agenzia, in conformità alla normativa comunitaria, dichiara che per poter dedurre l’Iva concernente una fattura d’acquisto occorrono il verificarsi di due presupposti: 

 

1. Il bene/servizio deve essere stato acquistato o, in alternativa, il relativo pagamento deve essere stato eseguito; 

2. Aver ricevuto la fattura del fornitore. 

 

Quindi, a fronte di un acquisti effettuato nel 2017, se la fattura viene ricevuta nel 2018, quando la liquidazione dell’Iva del mese di dicembre è stata già chiusa, l’Iva relativa alla fattura sarà detraibile nel mese di gennaio 2018. 

Più precisamente potrà essere detratta entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva dell’anno 2018 (ossia il 30.4.2019),

 

In sostanza, in via interpretativa e disconoscendo il contenuto letterale della nuova formulazione normativa (art. 19 e art. 25 del DPR n. 633/1972) che decorre dal 1° gennaio 2017, si ha un completo ritorno al passato, anche se con una riduzione del termine per la detraibilità che, fino a tutte le fatture 2016 era (e resta ancor oggi) fissata al secondo anno successivo alla esigibilità dell’imposta.

 

Tags:

Comunicazioni | Generale | Sol.Din. Domande

Split Payment

by Paolo Quaglia5. gennaio 2018 09:27

Gestione clienti con Split Payment

 

Per far funzionare il tutto occorre andare nell'anagrafica del cliente.

Poi Dati Contabili e Impostazioni Contabili Anagrafiche

 

Spuntare la casella "IVA Split Payment"

ATTENZIONE. Non spuntare se si devono ancora fare o contabilizzare fatture prima dell'entrata in vigore.

Una volta spuntata la casella contabilizzando la fattura l'importo dell'iva viene stornato dal cliente e dall'iva a debito.

 

Per quanto riguarda l'annotazione richiesta sulle fatture "operazione soggetta alla scissione dei pagamenti ex art. 17 DPR 633/72 si può inserire una nota manuale nel documento, creare un codice iva specifico o richiedere una personalizzazione dei moduli di stampa.

 

Noi consigliamo di creare una copia del codice articolo specifico per lo split payment.

Esempio: 

se ho il codice iva 22 "IVA 22%" potrei creare un nuovo codice iva 22S "IVA 22% soggetto scissione pagamenti ex. art. 17 DPR 633/72" con le medesime caratteristiche del codice iva 22

 

A questo punto in anagrafica cliente, Dati Contabili, Impostazioni contabili

Nella griglia sottostante cercare il rigo con il codice "22" e selezionare il rigo

nella colonna "Personalizzata" clicca per modificare e scrivi "22S"

Conferma con invio (return)

Salva

 

Se tutto ok dovresti vedere (a inizio griglia in base al tipo di ordinamento) la riga in rosso con 22 default e 22S Personalizzata.

A questo punto se viene generato un nuovo documento su quel cliente con un codice articolo che ha "22" come codice iva il sistema proporrà "22S" nel documento.

Tags: , ,

Sol.Din. Domande

Per visualizzare altre informazioni nella griglia di preparazione dati in invio Dati Fatture, provare a vedere se esiste l'informazione tra le colonne non visualizzabili.

Fare clic con tasto destro del mouse sulle intestazioni di colonna della griglia, scegliere la voce "Selezione COlonne" e, nella mascherina che verrà visualizzata selezionare (con il tasto sx del mouse) la colonna desiderata e spostarla tra le colonne presenti della griglia tenendo premuto il tasto del mouse.

 

Tags:

Sol.Din. Domande

Le procedure di invio della Comunicazione delle Operazioni Rilevanti ai fini IVA 2017, relativa all'anno 2016 (Spesometro), sono rimaste invariate rispetto all'anno scorso.

La procedura è disponibile nella cartella Telematico/Gestione Invii Telematici e poi scegliendo Spesometro Annuale Aggregato o Dettagliato.

Le scadenze di invio sono: 10/04/2017 per i contribuenti mensili e 20/04/2017 per i contribuenti trimestrali

 

 

Ricordiamo le procedure:

In Telematico, gestione telematico

  

 

1- Nuovo per generare una nuova elaborazione

2- Modifica per variare le informazioni

3- Invia per generare il file da spedire all'Agenzia delle Entrate

4- Per le stampe di controllo

5- Sblocca per annullare un invio e poter modificare il file per reinviare.

 

Nelle stampe avrete la stampa del modello, la stampa sintetica più comoda per i controlli e la stampa dei soggetti esclusi 

 

Per escludere un soggetto si può andare in anagrafica del cliente/fornitore e spuntare No Spesometro da dati contabili, impostazioni contabili

Per escludere un codice iva no spesometro nella tabella iva

L'elaborazione del modello genera una copia a se dei dati da comunicare, potete variare e cancellare senza problemi così come rigenerare la distinta o eliminarla senza timore di intaccare i dati contabili

 

Tags:

Sol.Din. Domande

La stampa in oggetto totalizza nel volume d'affari il totale delle operazioni soggette a IVA (quindi con un'iva calcolata) e tutti gli imponibili dei codici IVA impostati a Tipo: "Cessione Intracomunitaria" nella relativa Tabella IVA.

Tags: , ,

Sol.Din. Domande

Riapertura Registri Iva

by Paolo Quaglia21. febbraio 2017 08:49

Per poter modificare delle registrazioni iva con bollati già stampati in definitivo si devono sbloccare i registri e ristampare poi in definitivo. 

Per sbloccare si deve andare in Strumenti, Parametri Aziendali, Parametri generali, Date bollati e impostare la data dell'ultima stampa iva acquisti, vendite e liquidazione alla precedente del periodo che si deve modificare.

 

Poi, sempre in Strumenti, Parametri Aziendali, Parametri Iva, Anno interessato, Acquisti o Vendita, e su ogni registro impostare la data "Ultima Data Bollato" alla precedente del periodo che deve modificare.

 

 A questo punto è possibile modificare i dati e ristampare in definitivo.

 

Attenzione! Se sono impostati i giroconti automatici di liquidazione si deve provvedere a cancellare i precedenti.

 

Tags: , ,

Sol.Din. Domande

Per l'inserimento di una nuova banca su un cliente o un fornitore o l'azienda stessa, selezionare la voce di menù "Dati Contabili", in alto a destra, e poi "Gestione Banche"

 

Selezionare "Nuovo" sulla barra di menù a destra e ricercare l'agenzia.

Si consgilia la ricerca per codice che è composto da ABI+CAB (esempio: abi 02008 cab 22500 il codice sarà 0200822500)

 

Trovata l'agenzia selezionarla e poi, nella maschera principale, completare il campo dell'IBAN inserendolo senza spazi, fare TAB e poi salva.

 

Se l'agenzia non fosse presente nell'elenco bisogna caricarla in "Anagrafiche Generali", "Anagrafe Banche"

Selezionare "Nuovo" sulla barra di menù a destra e compilare i campi ABI, CAB e almeno Banca.

Dare "Conferma".

 

A questo punto l'agenzia sarà caricata e si potrà selezionarla dalla "Gestione Banche" dei clienti/fornitori/azienda

Tags:

Sol.Din. Domande

Month List