REVERSE CHARGE 2019

by Paolo Quaglia4. febbraio 2019 18:52

REVERSE CHARGE 2019 - MODALITA' OPERATIVE

Per il 2019 ci sono delle novità importanti per la gestione delle fatture elettroniche ricevute dai fornitori ITALIA in regime di reverse charge.

Alla ricezione di una fattura soggetta a reverse charge si deve procedere con l’integrazione dell’IVA, ma trattandosi di fatture elettroniche tutto questo va ad interessare il Sistema di Interscambio (SDI).

Occorre quindi adottare un procedimento tecnico atto a far “conoscere” l’integrazione operata al SDI, il tutto avendo a monte un file fattura XML, e come tale non modificabile né integrabile direttamente. 

Di conseguenza l'integrazione viene fatta con la generazione di una fattura che verrà registrata sia nelle vendite che negli acquisti con codice TD01. (In pratica la fattura acquisto in reverse charge genererà tre registrazioni contabili iva e un giroconto tra cliente e fornitore)

Predisponendo l’operazione di integrazione in elettronico, questa potrà essere trasmessa al sistema di interscambio, e così operando anche tale file XML verrà portato automaticamente in conservazione sostitutiva dal servizio dell’Agenzia delle Entrate. FAQ Agenzia delle Entrate

  

Prima di iniziare a registrare con la nuova modalità si devono controllare alcuni parametri (se i parametri non sono correttamente configurati non verrà generata l'autofattura):

In Strumenti - Parametri Aziendali - Parametri Generali - ReverseCharge 

Codice Azienda come cliente per Rev. Charge Interno: selezionare dall'anagrafica dei clienti il codice cliente che identifichi la Vs. Azienda (se io sono Pragmos cercherò il cliente Pragmos CXXXXX). Non usate il codice A00001 e verificate che nell'anagrafica sia presente il Vs. codice SDI o PEC.

Codice Azienda come fornitore per Rev. Charge Interno: selezionare dall'anagrafica dei fornitori il codice fornitore che identifichi la Vs. Azienda.

Codice Articolo per autofattura Rev. Charge Interno: codice articolo utilizzato per la generazione dell'autofattura, presente in anagrafica (di default è stato caricato il codice articolo XSD-RC-PR)

Conto transitorio per Rev. Charge Interno: conto contabile che verrà utilizzato per la contabilizzazione dell'autofattura.

TipoDocumento Autofattura Rev. Charge Interno: codice del tipo documento usato per generare l'autofattura (di default è stato caricato il codice SDRCFC)

TipoDocumento AutoNotaCredito Rev. Charge Interno: codice del tipo documento usato per generare l'auto nota credito (di default è stato caricato il codice SDRCNC)

 

In Anarafiche di Base - Anagrafiche Contabili - Tabella Iva

Verificare la presenza e/o configurazione dei codici iva che andrete a utilizzare.

Nelle fatture di acquisto, come fate nelle vendite, dovrete utilizzare un codice che non abbia un'aliquota iva e che abbia una "NATURA IVA" di tipo N6 - Inversione Contabile (Reverse Charge).

Nel campo "Cod. Iva per autofattura" potrete specificare il codice iva da utlizzare nell'autofattura.

 

 

COME DI DEVE PROCEDERE ALLA REGISTRAZIONE

In Registrazione Fatture Fornitori continuerete a usare la causale contabile per reverse charge che avete sempre utilizzato (in molte installazioni è il codice FRC) avendo l'accortezza di indicare solo più gli importi prensenti in fattura senza aggiungere iva e utilizzando un codice iva di tipo N6 come specificato all'inizio del documento. 

Alla fine della registrazione verrà segnalata la generazione della fattura (con proprio contatore e con proprio sezionale iva separato) che troverete in Editing Fatture, scegliendo il tipo documento appropriato:

“SDRCFC Autofattura Reverse Charge Interno” per le fatture

“SDRCNC AutoNotaCredito Reverse Charge Interno”  nel caso di una nota credito

Questo documento dovrà essere inviato al SDI e contabilizzato con la classica funzione “Contabilizzazione fatture attive”

 

Il documento generato dovrà essere registrato anche in contabilità negli acquisti con la causale:

“YFA  AUTOFATTURA REV. CHARGE INTERNO ACQUISTO” per le fatture

“YNA  AUTOFATTURA NC REV. CHARGE INTERNO ACQUISTO” per le note credito

la fattura dovrà essere registrata sul vs. codice fornitore aziendale in quanto la fattura è emessa da voi verso di voi. 

La registrazione della fattura di acquisto dovrà essere fatta alla ricezione della fattura dal sistema di interscambio dal pannello "Ricezione Fatture Elettroniche" cliccando sul pulsante a tre linee (hamburger) e selezionando Contabilizzazioni - Contabilizzazione Autofattura Reverse Charge (Registrerà la fattura di acquisto e chiuderà con un giroconto il cliente e il fornitore)

 

Per il reverse charge riguardante le fatture ricevute da estero e per le fatture emesse verso clienti non cambia nulla.

 

Tags:

Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Novità | Sol.Din. Proposte

Cosa fare a gennaio 2019 per la Fatturazione Elettronica

Si ricorda a tutti gli utenti che le richieste di assistenza devono essere inoltrate per email ai seguenti indirizzi:

supporto.soldin@pragmos.it    -  PROBLEMATICHE SOL.DIN.

supporto.fe@pragmos.it           -  PROBLEMATICHE FATTURAZIONE ELETTRONICA

 

Attivazione invii fatture elettroniche

Nel 2018, se si voleva inviare una fattura in formato elettronico, era buona prassi usare un sezionale iva separato dalle fatture cartacee ed erano stati creati i tipi documento FCX "Fattura clienti elettroniche" e NCX "Nota credito clienti elettroniche".

Nel 2019, salvo esigenze aziendali particolari (da comunicare all'assistenza), potrete utilizzare le causali FC "Fatture Clienti", NC "Nota credito clienti" o quelle che abitualmente state utilizzando.

Per attivare il pulsante di invio fatture elettroniche, nell'editing fatture sui tipi documenti attuali, dovete andare in 

Anagrafiche di base - Anagrafiche contabili - Causali Contabili

selezionare le causali contabili su cui vengono contabilizzate le fatture fatte in editing fatture e impostare il corretto tipo documento nel campo "Codice Fatt. Elett." e salvare.

(Attenzione. TD04 rappresenta una nota di credito) 

 

A questo punto in editing fatture troverete attivo il pulsante di invio.

 

In Anagrafiche di base - Anagrafiche Contabili - Condizioni di pagamento

si consiglia di verificare la corretta associazione con il tipo pagamento della fattura elettronica. 

Tags:

Comunicazioni | Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Domande | Sol.Din. Novità | Sol.Din. Proposte

Richiesta automatica dei dati clienti per l'invio delle Fatture Elettroniche

Con l'ultimo aggiornamento ricevuto, i clienti in possesso della licenza del modulo integrato per la Fatturazione Elettronica, potranno fare richiesta dei dati necessari all'invio della Fattura Elettronica, ai propri clienti, (pec o codice identificativo) tramite l'apposita maschera di Gestione PEC e Codice Identificativo. (cliccare sul link per istruzioni approfondite)

La procedura prevede unicamente di selezionare i clienti/fornitori con una email valida e, se il destinatario provvederà a compilare il modulo, verranno aggiornati i dati in anagrafica in modalità automatica senza intervento dell'utente.

 

La procedura non ha nessun costo.

Tags:

Sol.Din. 3.0 | Sol.Din. Novità | Sol.Din. Proposte

PREOCCUPATO PER LA

FATTURAZIONE ELETTRONICA?

Dal 1° luglio 2018 alcuni hanno già iniziato

Dal 1° gennaio 2019, toccherà a tutti!

Per fortuna, hai già la soluzione in mano!

Il gestionale che stai usando in questo momento per registrare le tue fatture è già predisposto per interfacciarsi con i servizi offerti dai due leader indiscussi del mercato:
Zucchetti e ARXivar

Grazie ad un apposito modulo, sarà possibile adattare la propria operatività alla nuova gestione in tempi minimi. 

Non esitate a contattarci, ti illustreremo direttamente i contenuti e le implicazioni tecnologiche oltre che organizzative.

 

ATTENZIONE! Affrontare questa sfida in anticipo ti permetterà di individuare le criticità, ed avere il tempo necessario per gestirle!

 

 

 

Tags: , , ,

Comunicazioni | Sol.Din. Proposte

Backup Online

by diego21. gennaio 2015 18:42
 

Metti al sicuro tutti i dati di Sol.Din.

 
  • Backup semplice e sicuro sul cloud
  • Processo completamente automatizzato
  • Monitoraggio dell’avvenuto backup tramite email
  • Garanzia del 99,9% di lettura dei dati archiviati
  • Riservatezza dei dati tramite cifratura
 
 
 
 Per sottoscrivere l'offerta inviare una mail a amministrazione@pragmos.it
 

* Scadenza promozione il 31/01/15. Prezzo dell’attivazione € 100,00 da pagare in un’unica soluzione. Il prezzo è riferito ad una singola ditta. Il servizio verrà fatturato in un’unica soluzione annuale alla prima scadenza del canone di manutenzione del Sol.Din. Condizioni contrattuali

Tags: ,

Sol.Din. Proposte

Month List